la chiesa di roma - volume 2

  • Titolo: La Chiesa di Roma - Volume 2 - Conseguenze del Primato
  • Autore: Alessandro Corvisieri
  • Editore: Paleario Editore
  • Genere: Saggistica
  • Anno: 2009
  • Pagine: 350
  • ISBN: 978-88-940882-2-9
  • Prezzo: EUR 20,00

alcuni brani

Dalla Parte Seconda - Controriforma di Paolo III (Pagine 284-286)

"Va considerato che la Chiesa non ha mai risposto ai quesiti degli evangelici essendosi decisa a convocare con un ritardo di vent'anni il concilio generale da quelli richiesto; oltre tutto durante tale tempo ha curato di porre quelli in condizione di non partecipare. Non c'è stato quindi l'atteso dibattito: basta scorrere l'indice dei canoni e decreti del Concilio di Trento per trovarvi unilaterali interpretazioni delle Scritture e una prolissa difesa dei dogmi dagli evangelici posti in discussione, lasciando tra l'altro pochissimo spazio a proposte di moralizzazione spesso neppure impositive come quelle atte ad evitare nell'alto clero scandalose esibizioni di ricchezza.

A tal proposito, solo per far sorridere chi legge, riportiamo un decreto del concilio che recita: I cardinali e tutti i prelati delle chiese si giovino di una modesta mensa e di modeste suppellettili. Infatti se diamo un'occhiata alle usanze di palazzo e di mensa dei prelati delle famiglie Farnese, Del Monte, Carafa, Medici, Boncompagni, Aldobrandini, Borghese, Ludovisi, Barberini, Panfili e via dicendo, troviamo conferma di un'esemplare cristiana modestia!

Ciò detto, ci sembra opportuno chiederci qual senso può aver avuto la difesa a oltranza di sacramenti e dogmi che già andavano scoprendo la corda: come quello della Penitenza, divenuto prescrittivo soltanto nel XII secolo ed ormai scavalcato dalle papali "tasse di penitenzieria" o il mistero virginale di Maria, fattosi strada caparbiamente lungo vari secoli, in aperto contrasto con i Vangeli di Matteo e di Luca, il primo dei quali s'è impegnato già nell'esordio a dimostrare la regale discendenza del Cristo collegando, mediante numerosi passaggi genealogici, il re David col padre in carne ed ossa del Redentore: il falegname Giuseppe.

Ci piace essere esaurienti citando anche il contrasto con la lettera di Paolo ai Romani che al I, 3 recita: L'Evangelo di Dio che concerne il suo Figliuolo nato dal seme di Davide secondo la carne."

Torna all'inizio